• it
facebook 

Il Nabucco, l’opera che rese famoso Giuseppe Verdi sarà all’Arena di Verona dal 4 Luglio.

Scritta tra il 1841 ed il 1842, il Nabucco, o Nabucodonosor, fece ascendere Giuseppe Verdi nell’Olimpo della grande lirica mondiale. Il coro dei prigionieri ebrei Va, pensiero, sull’ali dorate, nell’insolita tonalità di Fa diesis maggiore, venne interpretato come una metafora allegorica della condizione italiana sotto il dominio austriaco e contribuì allo straordinario successo dell’opera.

Il brano divenne ben presto famoso in tutto il mondo, eppure non incontrò il successo di tutti i compositori nostrani. Rossini, parlando dell’opera, disse che unire contralti, tenori e bassi fu una “grande cavolata”.

Acquistate i biglietti per il Nabucco all’Arena di Verona, lo spettacolo andrà in scena dal 4 luglio.

Biglietti per il Nabucco, il rinascimento di Giuseppe Verdi

Giuseppe Verdi compose il Nabucco nel periodo più difficile e travagliato della sua vita. Il grande compositore, appena reduce dal fiasco de Un giorno di regno, dovette assistere alla morte per encefalite della moglie Margherita Barezzi e dei figli Virginia e Icilio. Il lutto portò Verdi ad un passo dall’abbandonare definitivamente la lirica. Fu l’amico Bartolomeo Merelli a convincere il Maestro a comporre su libretto di Temistocle Solera, decantandone il genio e la storia brillante.

Il libretto, intitolato Nabucco, colpì Giuseppe Verdì a tal punto che iniziò immediatamente a musicare l’opera.

Nell’anno seguente, nel 1841, venne completata la partitura musicale. Nel 1842 avvenne la prima al teatro La Scala di Milano.

Acquistate i biglietti del Nabucco su Esamusic, assistete all’opera che rese celebre Giuseppe Verdi.

La trama del Nabucco

La grande opera inizia con Nabucco, Re di Babilonia, che conquista la grande città di Gerusalemme. Per fermare le mire espansionistiche del Re, il Pontefice Zaccaria fa rapire Fenena, figlia di Nabucco, ma questa viene rapidamente liberata da Ismaele, nipote del sovrano di Gerusalemme, che se ne innamora perdutamente.

Tornata in patria, Fenena assiste al colpo di stato di Abigaille, figlia illegittima di Nabucco, a cui è stato riferito della morte del padre durante la guerra. Fenena e Zaccaria vengono catturati e Abigaille canta della sua vittoria.

Nabucco, tuttavia, non è morto e affronta la figlia paragonandosi ad un dio e minacciandola con la furia celeste. Un fulmine, la punizione per coloro che osano fregiarsi con la divinità, colpisce il Re di Babilonia e lo fa rinsavire.

Avviene il tanto atteso confronto tra Nabucco ed Abigaille, del cui esito non parleremo in questo articolo.

Per scoprire dell’esito del Re di Babilonia, Fenena, Zaccaria ed Abigaille, acquistate i biglietti per il Nabucco all’Arena di Verona su Esamusic.

prenota i tuoi biglietti

Leave a reply